Scarponi abruzzesi

Questi biscotti, meno noti dei più famosi “mostaccioli”, fanno parte della schiera numerosa di dolci abruzzesi preparati per Natale. Originari della Valle Peligna e di Scanno, derivano il loro simpatico nome dalla tradizione secondo cui alcune mogli, vedendo i piedi dei mariti doloranti e provati dopo il lavoro nei campi, decisero di preparare appunto degli “scarponi” dolci per alleviarne le fatiche (ma mai che un marito abbia inventato delle scarpette dolci per le mogli affaticate dai lavori in casa… ma questa è un’altra storia!). Gli scarponi sono ricchi, ma leggeri perché preparati con olio di oliva, ed hanno la caratteristica di rimanere morbidi per giorni, croccanti fuori e dal cuore morbido. Ideali per le colazioni delle feste, possono essere ulteriormente arricchiti con una glassa a base di cioccolato fondente.



Ingredienti per circa 15/20 biscotti

250 g farina

1 uovo

2 cucchiai di olio

2 cucchiai di miele

Scorza grattugiata di una arancia non trattata

80 g zucchero di canna

50 g di noci

50 g nocciole

5 g ammoniaca o ½ bustina lievito in polvere

50 g mosto cotto

1 caffè ristretto

15 g di cacao


Procedimento

In una larga terrina, miscela gli ingredienti solidi, aggiungi poi l’uovo, il mosto cotto e il caffè. Mescola energicamente fino a ottenere un impasto compatto.


Prosegui ora con la realizzazione dei biscotti, perché l’impasto non ha bisogno di riposo. Infarina leggermente una spianatoia, quindi ricava dal panetto dei salami dello spessore di 1 cm e 4 cm di larghezza.


Ritaglia delle losanghe con un coltello affilato, per ricavare gli scarponi. Disponi i biscotti su una placca rivestita di carta da forno.


Cuoci in forno statico già caldo a 200° C per i primi 8 minuti, poi prosegui la cottura a 220°C per altri 4 minuti. Fai raffreddare completamente prima di servire.