Biscotti da colazione al succo d’arancia e segale

Una ricetta di origine abruzzese che trae spunto dai biscotti cosiddetti “della tresca”, preparati in occasione della mietitura e serviti insieme a un bel bicchiere di vino nella pausa di lavoro ai campi.

Nella mia versione le farine sono di farro e segale, c’è il lievito al posto dell’ammoniaca, e succo d’arancia perché siamo in stagione e questo agrume regala ai biscotti un profumo e un sapore deliziosi. Si conservano per diversi giorni chiusi in una scatola di latta.



Ingredienti

450 g farina di farro bianca

50 g farina di segale

1280 g zucchero di canna

Scorza di un’arancia non trattata

200 ml spremuta di arancia

30 ml olio evo

2 uova

1 bustina di lievito per dolci

Sale


Procedimento

In una ciotola ampia raccogli farina, lievito, un pizzico di sale, zucchero e scorza d’arancia.

Mescola, poi unisci uova, spremuta di arancia, e olio poco alla volta lavorando l’impasto con le mani fino a quando diventa omogeneo e compatto.


Dividi la massa in 3 parti e con ognuna forma dei “filoni”. Disponili ben distanziati su una teglia rivestita di carta da forno e cuoci a 170°C in forno ventilato per 25 minuti. Estrai la placca e fai raffreddare completamente i filoni.


Con un coltello a seghetto, taglia i filoni a fette dello spessore di circa 1,5 cm e inforna di nuovo a 170°C per 4-5 minuti, fino a quando la superficie dei biscotti risulta dorata.

I filoni devono essere freddi altrimenti si sbriciolano al momento del taglio.