Zuppa di miso con shirataki e porcini

Siamo caduti tutti prima o poi nel fascino di una fumante zuppa di miso - magari attraverso un film, o grazie ai personaggi unici dei romanzi di Murakami. Una istituzione in Giappone, piatto tanto semplice quanto perfetto, pulito, sobrio, che spero un giorno di poter assaporare in uno di quei posticini minuscoli tra le vie di Tokio.

Questa è la mia versione, ispirata alla zuppa di miso che con molto meno romanticismo mangio a Norimberga, in un ristorante però giapponese al 100% (gestito da giapponesi e frequentato da giapponesi). Insomma, c'è da fidarsi!

La base della zuppa è sostanzialmente sempre la stessa, a seconda poi dei propri gusti e degli ingredienti a disposizione ha si possono modificare i sapori, come nel mio caso l'aggiunta di borragine e porcini. E mamma mia, che scoperta ragazzi... miso sapido e carnosità delle cappelle di porcino, lasciate cuocere delicatamente nel brodo... una delizia assolutamente da provare!



Ingredienti per 2 persone

Per il brodo di miso

2 tazze d’acqua

2 cucchiaini di miso di riso

2 cipollotti

Una manciata di alghe spaghetto (o 2 pezzi di alga wakame)

Un cucchino di succo di zenzero fresco

1 carota tagliata a fiammifero

Una manciata di verdure a foglia larga (bietole, spinaci, borragine)

2-3 cappelle di porcino

Olio di sesamo o extra vergine di oliva


Per completare

250 g di shirataki (spaghetti di konjac) o altri noodle a piacere

Erba cipollina

Sesamo nero


Procedimento

Metti in ammollo le alghe spaghetto o le wakame. Nel frattempo in una casseruola aggiungi 2 cucchiai di olio e la parte bianca dei cipollotti tagliata a rondelle.


Versa le due tazze d’acqua, le alghe ammollate e strizzate e il succo di zenzero. Porta a bollore, spegni e unisci il miso sciolto in ½ bicchiere di acqua calda. È importante non far bollire la zuppa una volta aggiunto il miso per evitare di disperdere tutti gli enzimi che contiene.

Copri e lascia riposare a fuoco spento.


Taglia finemente la parte verde rimasta dei cipollotti e affetta le cappelle di porcino. Unisci anche questi alla zuppa insieme alla borragine (o spinaci o bietole, a seconda della verdura che hai scelto), sempre tenendo al caldo.


Lessa la pasta di konjiac seguendo le indicazioni riportate sulla confezione. Scolala e dividila nelle ciotole da portata.

Ricopri con il brodo di miso fumante, completando con le verdurine, le fettine di funghi porcini, un po’ di erba cipollina e una spolverata di sesamo nero.